Preraffaelliti. Amore e desiderio

Fino al 6 ottobre 2019, a Milano è visitabile la mostra Preraffaelliti. Amore e desiderio, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE.

La mostra nasce da una straordinaria collaborazione tra Palazzo Reale e la Tate Britain, che ha permesso di portare a Milano circa 80 opere, tra le quali alcuni dipinti iconici che difficilmente escono dal Regno Unito per essere prestati, come l’Ofelia di John Everett Millais, Amore d’aprile di Arthur Hughes, la Lady of Shalott di John William Waterhouse.

La rassegna comprende non solo le opere dei principali esponenti del movimento, di cui non mancano i capolavori, ma anche quelle di artisti meno noti della confraternita, restituendo così al visitatore la dimensione corale del movimento preraffaellita.

Immagine dalla mostra, Foto@CarlottaCoppo
Immagine dalla mostra, Foto@CarlottaCoppo

 

Le opere sono organizzate secondo un criterio tematico, con lo scopo di indagare gli ideali del movimento. Il percorso costruisce però anche un confronto cronologico sugli sviluppi delle tecniche stilistiche tra la prima e la seconda generazione di artisti preraffaelliti, aprendo il percorso con l’Ofelia di Millais del 1851-52, esposta in una delle prime sale, e Lady of Shalott di Waterhouse del 1888, che chiude la mostra, in cui si cita esplicitamente il celebre predecessore nel particolare della vegetazione acquatica nel lato sinistro del quadro, resa però attraverso pennellate libere, che anticipano la maniera impressionista.

I Preraffaelliti diedero vita a una sorta di rivoluzione reazionaria: cercarono una nuova espressione estetica ispirandosi a un passato remoto, precedente ai progressi dell’arte da Raffaello in poi. Furono infatti i primi a dipingere dal vero e infusero nelle loro immagini una inedita intimità psicologica, sconvolgente per l’epoca, ma elessero come loro maestri i primitivi italiani. Anticiparono il simbolismo e l’estetismo nutrendosi di ispirazioni arcaiste e primitiviste.

Immagine dalla mostra, Foto@CarlottaCoppo
Immagine dalla mostra, Foto@CarlottaCoppo

La ricerca estetica di questi artisti è definita in mostra con l’espressione “modernità medievale”, un’operazione che si potrebbe accostare a certe riletture attualizzanti del passato che oggi vanno tanto di moda; basti pensare alla resa fantasy di epoche storiche passate in serie TV o videogiochi di successo.

Lontani e vicini allo stesso tempo, questi artisti ci parlano di un tempo remoto attraverso una sensibilità e un gusto capaci ancora oggi di affascinarci.

VOTO 4/5

Allestimento: l’aspetto forse meno stimolante di questa mostra riguarda proprio il contenitore più che il contenuto. La rassegna comprende opere di altissimo livello che tuttavia non sono pienamente valorizzate dall’apparato espositivo, in particolare dalla disposizione delle tele e dall’illuminazione.

Contenuti: il corpus di opere esposte è ricco e vario; sono infatti 18 gli artisti rappresentati in mostra. La presenza non soltanto dei maggiori esponenti del movimento, ma anche degli interpreti minori fornisce una panoramica esaustiva delle ricerche stilistiche e delle linee evolutive del movimento. Tuttavia risulta soltanto accennata la presenza femminile all’interno della Confraternita, per cui ad esempio è trattato in termini romantici e superficiali il complesso rapporto fra Dante Gabriel Rossetti e Elizabeth Siddal, compagna e modella, ma soprattutto a sua volta pittrice e poeta, della quale nemmeno un’opera è esposta in mostra.

Rapporto qualità/prezzo: il costo del biglietto è di 14 euro ed è comprensivo dell’audioguida, che offre un commento non sempre puntuale e approfondito, ma nel complesso accettabile. Il costo del biglietto è certamente motivato dall’importanza dei prestiti di questa mostra; come già detto, sono esposte 80 opere della collezione della Tate Britain, che difficilmente in passato sono uscite dal Regno Unito.

 

Info e orari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie… accetti? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi