Antonello da Messina

La mostra Antonello da Messina, promossa e prodotta da Comune di Milano, Palazzo Reale e MondoMostre Skira, visitabile fino al 2 giugno a Palazzo Reale, è una mostra d’eccezione. Come è accaduto negli ultimi anni con la mostra dedicata a Giotto o la mostra dedicata a Caravaggio, si tratta di un’occasione per ammirare, senza divagazioni, i capolavori di un maestro della storia dell’arte. Sono 19 le opere esposte delle 35 attribuite all’artista.

Il percorso inizia con un’opera straordinaria: Il San Girolamo nello studio, l’immagine perfetta del Rinascimento europeo. L’ambiente è costruito come fosse una perfetta macchina del sapere, in cui la forte simbologia allegorica si dispone con rigore nella sapiente costruzione prospettica.

Si prosegue poi con alcuni dei ritratti più celebri realizzati da Antonello da Messina, volti nei quali il pittore sa cogliere l’intima essenza della persona pur riservando loro una superficie pittorica limitatissima, in media 30×26 centimetri, se non meno.

Immagine dalla mostra "Antonello da Messina", foto di Ottavia Mangiagalli
Immagine dalla mostra “Antonello da Messina”, foto di Ottavia Mangiagalli

Di sala in sala si arriva poi di fronte a l’Annunciata. Come ha osservato Vittorio Sgarbi in occasione dell’inaugurazione, si tratta di un’immagine senza tempo, la cui collocazione temporale è rivelata soltanto dal leggio, un oggetto di design chiaramente di epoca quattrocentesca. Un’immagine che racconta la dimensione della coscienza, come suggerisce lo sfondo nero che si sostituisce al tradizionale fondo oro, simbolo del divino. Un’Annunciazione assolutamente unica nel suo genere, lontana dai canoni iconografici secondo cui nella scena è sempre presente anche l’angelo annunciatore. Antonello ha invece saputo dare immagine allo spazio dell’interiorità, alla dimensione più profonda e impenetrabile dell’Io.

Vittorio Sgarbi parla dell'Annunciata di Antonello da Messina all'anteprima della mostra di Palazzo Reale, foto di Ottavia Mangiagalli
Vittorio Sgarbi parla dell’Annunciata di Antonello da Messina all’anteprima della mostra di Palazzo Reale, foto di Ottavia Mangiagalli

 

A seguire, la sala dedicata all’Ecce Homo del 1475: la tristezza del volto di Cristo sconvolge per la sua umanità.

A corredo del percorso, tra i capolavori, sono esposti in modo da arricchire il percorso espositivo, ma senza appesantirlo, i taccuini con annotazioni e disegni di Giovan Battista Cavalcaselle, che testimoniano l’appassionato studio che egli fece dell’opera di Antonello da Messina, arrivando a comprenderne a fondo la tecnica e lo stile.

VOTO 5/5

  • Allestimento: l’allestimento permette una visita contemplativa delle opere del maestro Antonello da Messina. Con la loro ampiezza, le sale mettono in evidenza l’incredibile risultato ottenuto dal pittore che realizza capolavori concentrati su una superficie pittorica di ridotte dimensioni.
  • Contenuti: sono 19 le opere esposte, tutte capolavori, delle 35 attribuite all’artista. Un percorso intenso e senza divagazioni, che permette di vedere riunite a Milano opere che sono normalmente disperse in vari musei, italiani e non solo. Nella successione di capolavori di Antonello da Messina, tre spiccano su tutti: l’Annunciata, il San Girolamo nello studio e l’Ecce Homo.
  • Rapporto qualità/prezzo: il prezzo del biglietto (intero 14 euro, ridotto 12 euro) è in linea con le mostre ospitate a Palazzo Reale ed è proporzionato all’alta qualità della selezione di opere in mostra.

 

Info e orari

 


Un’osservazione riguardante “Antonello da Messina

  • 5 giugno 2019 at 12:07
    Permalink

    Seguendo il consiglio di ” Milano si mostra” ho visitato la mostra di Antonello da Messina e confermo essere una mostra che offre allo spettatore la possibilità di immergersi nel mondo del pittore e di godere delle sue opere. Grazie per le immagini qui riportate che permettono un ri-percorso della mostra.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie… accetti? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi