Mario Merz. Igloos

Pirelli Hangar Bicocca ospita fino al 24 febbraio la mostra dedicata a Mario Merz, Igloos, grande panoramica sull’opera dell’artista milanese, che ha sperimentato varie forme espressive durante la sua carriera.

Attraverso le opere presenti in Hangar Bicocca è possibile approfondire la ricerca di Mario Merz intorno a un luogo – l’igloo, per l’appunto – attorno a cui ha sviluppato una accurata analisi e ricerca artistica durata quasi quarant’anni. Un luogo che diventa simbolo dello spazio abitato dall’uomo, che si presenta per lo più come uno scheletro metallico ricoperto dai più svariati materiali.

Immagine dalla mostra “Mario Merz. Igloos”

Più di trenta gli igloos ospitati nelle Navate, disposti in ordine cronologico, dal 1968 al 2003, in un percorso che si apre e si chiude con due igloo molto particolari, il più grande igloo realizzato da Merz per uno spazio museale e uno con addirittura un cervo sulla sommità.

Immagine dalla mostra “Mario Merz. Igloos”

L’utilizzo di materiali naturali e industriali, l’impiego della parola scritta, il dialogo tra le installazioni e lo spazio circostante: questi alcuni elementi ricorrenti del lavoro di Merz. Quasi a formare una sorta di “paese” fatto con igloos, molti i significati di questa installazione di Merz: da un lato è un luogo che delimita uno spazio, un territorio, dall’altro, mostra il rapporto tra interno ed esterno, tra uomo e natura. Merz apprezza questa particolare struttura perché riesce a contenere in sé elementi in opposizione, elementi legati alla natura e all’ambiente urbano, in una struttura dove contemporaneo e arcaico convivono, in una circolarità in cui il tempo è sospeso e dove coesistono una innumerevole varietà di materiali.

VOTO 4/5

  • Allestimento: senza il prezioso libretto illustrativo della mostra e delle installazioni risulterebbe difficile comprendere l’intento dell’artista, che risulta chiaro una volta capite le chiavi di lettura delle sue opere, che spiccano nei grandi spazi di Hangar Bicocca.
  • Contenuti: una grande antologia su un artista contemporaneo, amico di Celant, facente parte del gruppo di artisti che si dedicarono all’Arte Povera.
  • Rapporto qualità/prezzo: Pirelli Hangar Bicocca, come sempre, offre mostre di qualità a ingresso gratuito.

Info e orari

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie… accetti? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi