Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II

Con la mostra Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II il Mudec celebra la figura di questo importante faraone, con un allestimento che mira a coinvolgere il visitatore in un’esperienza immersiva e avvolgente, visitabile fino al 7 gennaio 2018.

La mostra, curata dagli egittologi Patrizia Piacentini e Christian Orsenigo con il coordinamento di Massimiliana Pozzi Battaglia, pone al centro dell’attenzione Amenofi II (1427-1401 a.C.) figlio del famosissimo faraone Tutmosi III, il grande faraone conquistatore. Durante il regno di Amenofi l’Egitto visse un periodo di grande prosperità e ricchezza e, nonostante il faraone sia spesso oscurato dalla celebre figura paterna, in questo allestimento viene degnamente restituito alla sua importanza.

Le sezioni della mostra descrivono come gli egiziani conducevano la loro esistenza, grazie al contributo di numerosi reperti rinvenuti nelle tombe,  e, ovviamente, il modo in cui concepivano la vita oltre alla morte e la grande cura che riponevano nel preparare i corpi e le tombe dei defunti.

Immagine dalla mostra "Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II"
Immagine dalla mostra “Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II”

Ma il momento più interessante dell’allestimento è quello che ripercorre la scoperta della tomba di Amenofi II da parte dell’archeologo Victor Loret nel 1898: i documenti relativi alla sua campagna di scavo sembravano essere andati perduti, ma una quindicina di anni fa sono riemersi e sono stati approfonditamente studiati dagli egittologi dell’Università Statale di Milano e ora vengono per la prima volta mostrati al pubblico. Nella sala conclusiva dell’allestimento è stata ricostruita, in scala 1:1, la sala a pilastri della tomba di Amenofi II che colpisce per la sua magnificenza e la ricchezza decorativa e che permette al visitatore di rivivere il momento in cui Loret per la prima volta scoprì questo eccezionale sito.

Immagine dalla mostra “Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II”

Per la prima volta, sul finire dell’Ottocento, veniva ritrovata nella Valle dei Re la mummia di un faraone all’interno della propria tomba. E non solo. Oltre alla mummia di Amenofi II, vennero alla luce altre quindici mummie o parti di mummie, nascoste qui in un periodo successivo per nasconderle dai predatori e proteggerle dalle razzie. Tra queste, Loret trovò tre mummie, di un uomo e di due donne, le quali ora, grazie a studi radiologici e genetici, sono state identificate come la madre e la nonna del celebre Tutankhamon.

 

VOTO 4/5

  • Allestimento: di grande impatto emotivo la sala finale dove viene ricostruita la sala a pilastri della tomba del faraone, coinvolgenti i contributi multimediali. Pregevole la volontà di creare un percorso alternativo adatto a un pubblico di bambini, che sono accompagnati da Geronimo Stilton alla scoperta dell’Egitto. L’unica pecca di questo percorso è che le sezioni iniziali, che affrontano argomenti ampiamente visti in altri musei dedicati all’Antico Egitto, sottraggono parecchio tempo alla fruizione di quella che è la parte più originale e interessante della mostra, ossia la scoperta della tomba da parte di Loret. Si consiglia di concentrarsi soprattutto sulle ultime sale dunque.
  • Contenuti: i reperti esposti in mostra provengono da importanti realtà museali internazionali, dal Museo Egizio del Cairo al Rijksmuseum van Oudheden di Leida, dal Kunsthistorisches Museum di Vienna al Museo Archeologico Nazionale di Firenze; l’Università Statale di Milano poi ha dato in prestito i documenti originali di scavo della tomba del faraone custoditi nei suoi Archivi di Egittologia, e alcuni reperti provengono dalla collezione egizia del Museo del Castello di Milano. Arricchiscono il percorso contenuti multimediali.
  • Rapporto qualità/prezzo: l’ingresso costa 13 euro, una cifra non modesta ma in linea con le grandi mostre milanesi.

Info e orari

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie… accetti? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi